Esempio di laboratorio di didattica dell’educazione e dell’area Antropologica

immagine del seminario

DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA

Il laboratorio intende lavorare concretamente a partire   da riflessioni sulle indicazioni e sulle linee guida   si troveranno spunti per una lavoro in ambito antropologico capace di riflettere sull’importanza di trasmettere memoria  e sulla storia personale. Si percorreranno le tappe indispensabile a strutturare “la linea del tempo” iniziando dagli archivi personali per poter estendere l’attività ai diversi centri di memoria storica presenti sul territorio: musei, biblioteche, pinacoteche, archivi … si rifletterà sul senso dell’insegnamento delle materie antropologiche:  studiare il passato, confrontare le fonti, ricostruire I dati,  confrontare I territori, organizzare mappe di studio, interpretare I dati dando centralità agli ambienti e alla storia degli uomini. Il discente sperimenterà personalmente il percorso pensato al fine di  mettere in atto  approcci diversi allo studio degli ambiti antropologici ed esplorare tutte le possibili interazioni con particolare riguardo all’integrazione personale, sociale e soprattutto scolastica dell’alunno in condizione di disabilità.

Specificatamente all’infanzia si focalizzerà l’attenzione sul senso del tempo e le routine, alla primaria si rifletterà su come “l’approccio al senso della Storia per un bambino di scuola primaria assume carattere più pregnante se viene sperimentato nel “qui e ora” presentato attraverso pluri-stimolazioni, un contatto corporeo e una fisicità che gli restituisca un senso concreto del tempo, dell’uomo che vive e si misura con gli eventi del suo periodo e leghi la Storia alla vita vissuta.” E alla secondaria si metteranno in evidenza figure storiche e aspetti autobiografici per solleticare l’interesse sulla “storia degli uomini” che hanno deciso le sorti dei territori e delle genti.

Il laboratorio storico geografico, qui proposto ha come obiettivo la pedagogia dell’apprendimento: suscitare curiosità, innescare scintille che andranno poi approfonditi con testi e ricerche contenutistiche.
Questo modo di fare Didattica della Storia mette la Storia al centro degli apprendimenti, la storia come occasione per scoprire le vite degli altri e il tempo che hanno abitato, certi del fatto che è importante saper leggere il passato per  riprogettare il proprio futuro.

Obiettivi: perimentarsi nell’approccio didattico come discenti per vivere tutte le fasi del processo d’apprendimento Riflettere sui punti critici e sulle possibili soluzioni pedagogiche.

Promuovere le competenze professionali dei docenti rispetto ai  bisogni educativi speciali, alla disabilità e alla gestione integrata del gruppo classe.
Sviluppare la cultura ed il modello dell’integrazione all’interno della sezione/classe, del gruppo docente e della comunità scolastica.
Padroneggiare i concetti di individualizzazione e di personalizzazione e saper utilizzare forme diffuse di differenziazione didattica.

CONTENUTI

Sviluppo della professionalità  docente rispetto all’inclusione
Il modello scolastico dell’inclusione, saper progettare una strategia didattica utile a tutti
l’affinamento degli strumenti per l’integrazione e l’inclusione

Testi/materiali
Durante l’attività sarà visionabile materiale didattico esito del lavoro di bambini e ragazzi (sia cartaceo che multimediale), tuttavia per eventuali approfondimenti si suggeriscono I seguenti testi

G.Rodari    La storia narrata agli uomini   ed Gallucci
E. Gombrich  Breve storia del mondo  Salani editore
Guareschi Diario di un Clandestino ed. BUR
Landi landi Insegnare la storia ai bambini  Carocci editore Roma 2004
Hayden White. Forme di storia dalla realtà alla narrazione Carocci editore Roma 2006
A. Penso I giochi di quando eravamo ragazzi ed. Corbo e Fiore
Maria Clara Stella   Ambaraba cicì cocò ed Nuova Dimensione
P. Faorlin M. Puccio La giornata della memoria ed ERGA
A. Wiviorka Auschwitz spiegato a mia figlia ed Einaudi
P.Faorlin M.Puccio Civiltà dei fiumi ed ERGA
I. Trisciuzzi. T. Zappaterra. L. Bischi Tenersi per mano (disabilità e formazione del sè nell’autobiografia)  ed Firenze University press
Carol S. Pearson Risvegliare l’eroe dentro di noi Dodici Archetipi per trovare noi stessi  Ed Astrolabio Ubaldini
P.G. Curti-S.Guerra Lisi  Il viaggio dell’eroe globalità del linguaggio e integrazione dell’handicap Ed ETS
Christopher Vogler Il viaggio dell’eroe la struttura del mito ad uso di scrittori Ed Audino
Verena Kast  Le fiabe che curano Ed Red
Joseph Campbell  L’Eroe dai mille volti Ed Lindau
Joseph Campbell  Il potere del mito-Intervista di Bill Moyers  Ed. Neri Pozza
James Hillman  Il codice dell’anima  Ed Adelphi
Leo Lionni  Piccolo blu e piccolo giallo
Leo Lionni   Guizzino
in aula potranno essere suggerite anche altre letture

About the Author

Insegnanti di Sostegno
Il portale degli insegnanti di sostegno

Be the first to comment on "Esempio di laboratorio di didattica dell’educazione e dell’area Antropologica"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*