I disturbi specifici di grafia (la disgrafia)

la grafia, la disgrafia

Le disgrafie sono difficoltà che riguardano la grafia e non appartengono al gruppo dei disturbi linguistici (come le difficoltà di scrittura), ma a quello dei disturbi prassici.
La scrittura, in quanto attività grafica, richiede una corretta programmazione e coordinazione di sequenze motorie integre, cioè sincronismo nella coordinazione occhio-mano e controllo della motricità fine e della coordinazione delle dita.
Anche una buona capacità di percezione visiva e di orientamento spazio temporale sono indispensabili per scrivere
È possibile classificare le disgrafie in due gruppi: disgrafie semplici e disgrafie specifiche.
Le disgrafie semplici sono associate a lievi difficoltà ed incertezze nella padronanza del segno grafico, caratteristiche degli stadi iniziali dell’apprendimento della scrittura, che generalmente migliorano con il tempo e con la pratica.

Le disgrafie specifiche si presentano in soggetti con capacità cognitive adeguate, in assenza di patologie neurologiche e di deficit sensoriali.
Inizialmente presentano le stesse caratteristiche delle disgrafie semplici, ma successivamente si cronicizzano e diventano disturbi persistenti.
I disturbi legati alla disgrafia, talvolta, possono condizionare l’apprendimento in modo rilevante, l’eccessiva lentezza impedisce di completare i lavori e la scarsa leggibilità ostacola sia gli insegnanti nella correzione, sia gli allievi stessi, incapaci di leggere e quindi di correggere quanto hanno scritto.
La disgrafia comporta problemi anche dal punto di vista psicologico, eventuali continui rimproveri da parte di chi deve decifrare i compiti provocano frustrazione e senso di inadeguatezza dell’allievo e ciò può compromettere anche in modo rilevante gli esiti dell’apprendimento.
Le disgrafie specifiche possono essere di gravità diversa (lievi, medie, gravi) e possono essere distinte in
–    disgrafie pure: non associate a disturbi di scrittura
–    disgrafie associate: a disturbi di scrittura. In genere la gravità dei due tipi di disturbi non è correlata, ma in alcuni casi è possibile riscontrare sia gravi disgrafie sia gravi disturbi di scrittura.

Caratteristiche della disgrafia: cosa si deve osservare

Comportamento dell’allievo
–    inclina il foglio;
–    scrive contorcendosi;
–    muove il foglio in continuazione;
–    scrittura lenta o, meno frequentemente, troppo rapida.
Caratteristiche generali della scrittura
–    segno grafico incerto, tremolante, insicuro;
–    tracciato pesante;
–    tracciato tenue, poco marcato;
–    pendenza della scrittura verso destra o verso sinistra, in basso o “arrampicata” verso l’alto, grafia ascendente o grafia discendente;
–    parola scomposta in frammenti o parole frammentate;
–    grafia molto piccola o molto alta;
–    lettere attaccate o staccate.

Organizzazione spaziale
–    difficoltà ad occupare lo spazio del foglio per posizionare il segno grafico;
–    difficoltà a scrivere nelle righe, per cui il corpo della lettera deborda dalle righe;
–    l’allievo non mantiene la direzione orizzontale;
–    eliminazione dei margini: margini assenti, non allineati, frastagliati, pendenti;
–    poco spazio tra le lettere;
–    troppo spazio tra le lettere, per cui le lettere di una parola sono tra loro staccate.

About the Author

Insegnanti di Sostegno
Il portale degli insegnanti di sostegno

Be the first to comment on "I disturbi specifici di grafia (la disgrafia)"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*